Associazione culturale San Fruttuoso

Inamoâse a setànt’ànni

di Giancarlo Migliorini
regia: Daniele Pellegrino

CAST:
Mâxo (vêgio atôre) Stefano PASTORINO
Têxo (segónda badànte) Cinzia LAMPONI
Chécco (fìggio do Mâxo) Alessandro SASSO/Massimiliano PARODI
Loénso (fìggio do Mâxo) Lorenzo IONATA/Stefano SILEI
Loîzétta (portêa) Gianna CEVASCO/Silvia CANALE
Giò Bàtta (màio da portêa) Giorgio ODDONE
Loîgia (vexìnn-a de câza) Alessia BRUZZO/Irene CATALDI
Mêgo Agostino CASTAGNOLA/Luigi MASSA
Iöle (prìmma badànte) Mariella BUONASORA
Délia (mogê mòrta) Renata BURLANDO

TRAMA
“..É strano come i figli siano sempre la parte più importante nei progetti dei genitori ma i genitori non facciano mai parte dei progetti dei figli.
Forse perché, alla nostra età, non abbiamo più il diritto di pensare al futuro, alla felicità?”
In questa battuta si trova il “contenuto serio” della commedia, che alterna situazioni esilaranti a momenti commoventi e va contro le ipocrisie della società verso la vita sentimentale e sessuale delle persone della terza età.
Tommaso, famoso attore di teatro settantenne ritiratosi dalle scene, è a casa, convalescente. Triste per la prematura perdita della sua adorata moglie Delia, comunica con lei attraverso la medium Lisetta, la portinaia.
I suoi due figli non possono badare a lui e così decidono di cercargli una badante fissa, capace di fargli le punture indispensabili per farlo guarire.
Tommaso è un uomo sensibile, un artista, e saranno diverse le donne, di varie età, che si avvicenderanno nella sua casa allo scopo di conquistarlo, creando, senza volere naturalmente, situazioni divertenti e imbarazzanti.
Tommaso, non sapendo quale decisione prendere, si rivolgerà alla sua amata Delia per chiederle consiglio. Solo lei potrà indicargli la giusta strada.